Accesso ai servizi

Giovedì, 13 Febbraio 2020

Referendum costituzionale 29 marzo 2020



Referendum costituzionale 29 marzo 2020


I cittadini italiani saranno chiamati al voto, il giorno 29 MARZO 2020 , per il referendum popolare confermativo della legge costituzionale avente il seguente quesito: "Approvate il testo della legge costituzionale concernente "Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari", approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana - serie generale - n. 240 del 12 ottobre 2019?". DPR 28.01.2020

Disposizioni per il voto domiciliare per elettori affetti da infermità che ne rendano impossibile l'allontanamento dall'abitazione

Visto l’art. 1 del D.L. 3 gennaio 2006, n. 1, convertito, con modificazioni, della legge 27 gennaio 2006, n. 22 e successive modificazioni che, ai primi quattro commi, testualmente recita:
«Art. 1 - Voto domiciliare per elettori affetti da infermità che ne rendano impossibile l’allontanamento dall’abitazione.
Gli elettori affetti da gravissime infermità, tali che l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano risulti impossibile, anche con l'ausilio dei servizi di cui all'articolo 29 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e gli elettori affetti da gravi infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano, sono ammessi al voto nelle predette dimore.Le disposizioni del presente articolo si applicano in occasione delle elezioni della Camera dei deputati, del Senato della Repubblica, dei membri del Parlamento europeo spettanti all'Italia e delle consultazioni referendarie disciplinate da normativa statale. Per le elezioni dei presidenti delle province e dei consigli provinciali, dei sindaci e dei consigli comunali, le disposizioni del presente articolo si applicano soltanto nel caso in cui l'avente diritto al voto domiciliare dimori nell'ambito del territorio, rispettivamente, del comune o della provincia per cui è elettore.Gli elettori di cui al comma 1 devono far pervenire, in un periodo compreso tra il quarantesimo e il ventesimo giorno antecedente la data della votazione, al sindaco del comune nelle cui liste elettorali sono iscritti:a) una dichiarazione in carta libera, attestante la volontà di esprimere il voto presso l'abitazione in cui dimorano e recante l'indicazione dell'indirizzo completo di questa;b) un certificato, rilasciato dal funzionario medico, designato dai competenti organi dell'azienda sanitaria locale, in data non anteriore al quarantacinquesimo giorno antecedente la data della votazione, che attesti l'esistenza delle condizioni di infermità di cui al comma 1, con prognosi di almeno sessanta giorni decorrenti dalla data di rilascio del certificato, ovvero delle condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali.3-bis. Fatta salva ogni altra responsabilità, nei confronti del funzionario medico che rilasci i certificati di cui al comma 3, lettera b), in assenza delle condizioni di infermità di cui al comma 1 l'azienda sanitaria locale dispone la sospensione dal rapporto di servizio per la durata di tre mesi per ogni certificato rilasciato e comunque per un periodo non superiore a nove mesi.Ove sulla tessera elettorale dell'elettore di cui al comma 1 non sia già inserita l'annotazione del diritto al voto assistito, il certificato di cui al comma 3, lettera b), attesta l'eventuale necessità di un accompagnatore per l'esercizio del voto.»;


Gli elettori interessati dovranno far pervenire la prescritta dichiarazione entro il giorno 09 marzo 2020,  (20° antecedente la data della votazione), utilizzando preferibilmente l’apposito modulo da ritirare presso l’Ufficio elettorale comunale.
L’Ufficio elettorale comunale è a disposizione per ulteriori chiarimenti.



Disposizioni per il voto per corrispondenza dei cittadini italiani temporaneamente all’estero per motivi di lavoro, studio, o cure mediche, e dei loro familiari conviventi.Ai cittadini italiani, e loro familiari conviventi, che si trovino temporaneamente all’estero per motivi di lavoro, studio, o cure mediche, per un periodo minimo di almeno tre mesi, nel quale ricada la data di svolgimento della suddetta consultazione, è consentito di votare per corrispondenza, ricevendo quindi il plico con la scheda di voto e le istruzioni. La richiesta del voto per corrispondenza va presentata utilizzando l'allegato MODULO, entro il 26 FEBBRAIO 2020, al Comune in cui l’elettore è iscritto nelle liste elettorali, allegando copia della carta di identità, e inviata:
♦ per posta, all’indirizzo: Comune di Cervarese Santa Croce Piazza Aldo   Moro, 9 – 35030 Cervarese Santa Croce (PD
♦  per PEC all’indirizzo: (l'invio può avvenire anche da una mail semplice) cervaresesantacroce.pd@cert.ip-veneto.net♦ invio per mail all'indirizzo: s.pellizzari@comune.cervarese.pd.it c.maritan@comune.cervarese.pd.it



Documenti allegati: